L’Africa si racconta: dal griot all’influencer digitale

Africa e Mediterraneo n. 87 (2/17)

In gran parte dei Paesi africani i media contemporanei – anche quelli tradizionali resi globali, interattivi e social grazie al web 2.0 – fanno sì che oggi più che mai le persone siano al tempo stesso produttrici e fruitrici autonome di una narrazione sulle questioni sociali, i rapporti umani, la politica, i grandi temi come la povertà, la corruzione, la democrazia.

Il dossier del numero 87 di Africa e Mediterraneo propone una riflessione sulle modalità e i contenuti del racconto che l’Africa fa a se stessa e di se stessa, spesso reinterpretando in maniera originale – a partire dalle specifiche e diversissime contingenze locali – le nuove dinamiche iperconnettive del web.

La condivisione social, caratterizzata da immediatezza e interattività, offre spazi alternativi di dialogo, soprattutto quando la libertà di espressione è limitata; serie tv popolari evidenziano cambiamenti di valori e inducono a riflettere su importanti temi sociali; giovani designer, giornalisti-rapper e blogger innovano i codici comunicativi e conquistano un pubblico trasversale.

Tra la persistenza di media tradizionali e l’irrompere di nuove piattaforme di contenuti vari, ecco come cambia l’elaborazione di narrazioni, la comunicazione di opinioni e l’informazione sull’attualità in Africa.

Gli ultimi numeri