Shake Your Class – Scuole in movimento

Cosa?

Shake your Class – Scuole in movimento intende accrescere la conoscenza critica dei giovani riguardo al fenomeno della migrazione e al diritto d’asilo, in relazione ai notevoli flussi di migranti che, dalle primavere arabe in poi, hanno avuto in Europa un forte impatto sull’opinione pubblica e sulle coscienze. Il progetto prende in conto il cambiamento che stanno sperimentando la società e la scuola italiane e cerca di trasformarlo in una fonte d’ispirazione per momenti creativi.

Come?

Proponendo di considerare la diversità e la migrazione come spunti di riflessione, curiosità e apertura, il progetto si propone di dare vita a una rete nazionale di collaborazione tra l’associazione Africa e Mediterraneo e 13 scuole di 6 regioni italiane (Emilia Romagna, Piemonte, Trentino Alto-Adige, Lazio, Sicilia e Sardegna).
Il progetto si svolge durante l’anno scolastico 2016-2017 e prevede, in una prima fase, la realizzazione di un toolkit didattico sul tema della migrazione e dell’asilo, da usare in classe durante i laboratori. In una seconda fase, il progetto coinvolge studenti di scuole medie e superiori in percorsi laboratoriali che si concluderanno con la creazione di fumetti o murales sul tema della migrazione e dell’asilo. Il percorso laboratoriale di fumetto o di murales in ogni classe ha una durata complessiva di 12 ore e coinvolge gli studenti attraverso una metodologia interattiva di media education. Il lavoro è il più possibile partecipativo e costruito con i ragazzi, attraverso dei momenti di gioco-riflessione – prevedendo anche, ove possibile, la testimonianza di rifugiati e richiedenti asilo ospitati nelle strutture di accoglienza dei territori regionali – e successivamente con la scrittura e il disegno di una tavola a fumetti o la realizzazione di un murales, a seconda delle possibilità di ogni singola scuola.
Ogni laboratorio è implementato da un operatore interculturale e da un fumettista o street artist. In ogni scuola, il percorso si svolge in sei incontri di due ore. I primi tre incontri sono condotti esclusivamente dall’operatore interculturale e sono dedicati a un approfondimento prevalentemente teorico sulla realtà della migrazione e dell’asilo. Grazie all’utilizzo del toolkit didattico, gli studenti si interrogano sul fenomeno della migrazione, in una prospettiva storica e globale, e si approcciano alla questione del diritto d’asilo e della realtà vissuta da un richiedente protezione internazionale oggi in Italia. I tre incontri successivi si svolgono sia con l’operatore interculturale che con l’artista, che accompagna gli studenti nella realizzazione di fumetti o di un murales collettivo. Per le scuole interessate al laboratorio di murales, in accordo con la dirigenza di ogni istituto, viene scelta la collocazione migliore per realizzare un murales in una parete dell’edificio scolastico. Si cerca di realizzare l’opera in un muro “dimenticato” o esteticamente poco gradevole, così da unire il lavoro interculturale alla cura e protezione del luogo pubblico della scuola. I ragazzi sono così coinvolti non solo in un percorso di educazione interculturale ma anche di valorizzazione della propria scuola.
Il progetto è realizzato con il sostegno dei fondi Otto per Mille della Chiesa Valdese.

 

SCARICA IL TOOLKIT

 

SCARICA

“Cuore d’oro, Animo di Fuoco”: il fumetto realizzato dagli studenti dell’I.C. Orte, Lazio

 

“Zakaria il mutante”: il fumetto realizzato dagli studenti dell’I.I.S. di via Sarandì a Roma

 

Bologna

I lavori degli studenti della scuola media Rita Levi Montalcini a Bologna

 

I lavori degli studenti delle scuole medie Farini a Bologna

 

I lavori degli studenti dell’IC 11 a Bologna

 

Bolzano

I lavori degli studenti dell’istituto G. Galilei a Bolzano

 

Il murales realizzato dagli studenti dell’Istituto Claudia de Medici a Bolzano

 

Sicilia

I lavori degli studenti dell’istituto G. Marconi a Vittoria, Sicilia

 

I lavori degli studenti dell’istituto Leonardo Sciascia a Scoglitti, Sicilia

 

Sardegna

I lavori degli studenti della Scuola media Maria Carta (IC 2) di Alghero

 

I lavori degli studenti del Liceo Artistico “F. Costantino” di Alghero

 

Torino

I lavori degli studenti dell’Istituto Bodoni a Torino

 

I lavori degli studenti dell’Istituto Steiner a Torino