20 luglio 2009

Walid Raad in mostra a Como

Siamo capaci di far piovere ma nessuno ce l’ha mai chiesto: questo è il titolo della XV edizione del Corso Superiore di Arti Visive promosso dalla fondazione Ratti fino al 22 luglio (Como).

Oltre ai workshop e alle conferenze, la fondazione promuove diverse mostre fa cui segnaliamo, dal 2 luglio al 30 agosto, la prima personale di Walid Raad dal titolo Scratching on Things I Could Disavow: A History of Art in the Arab World, Part I _ Volume 1 _ Chapter 1: Beirut (1992-2005).

L’esposizione costituisce uno snodo cruciale nel progetto artistico The Atlas Group sulle implicazioni sociali, politiche, psicologiche ed estetiche delle guerre del Libano offrendone una prospettiva più ampia, rispetto al progetto originario, dal punto di vista storico e teorico.

Raad a partire dal 2007, riflettendo sulla storia dell’arte moderna e contemporanea nel mondo arabo, ha notato la nascita di una nuova realtà infrastrutturale per le arti visive in Medio Oriente e nell’area del Golfo. In particolare, in un contesto in cui il “turismo culturale” è diventato uno strumento di crescita economica, bisogna, sostiene Raad, riflettere sul “se” e “come” cultura e tradizioni del mondo arabo abbiano risentito delle tante guerre combattute dai poteri locali e non.

Trackback url: http://www.africaemediterraneo.it/blog/index.php/walid-raad-in-mostra-a-como/trackback/

Inserisci un commento