30 dicembre 2009

Laboratorio interculturale di auto-narrazione sul corpo femminile

Venerdì 9 dicembre a Crevalcore (Bo) abbiamo presentato il CD ROM “Culture Femminili in Valigia”, che racchiude l’esperienza di un laboratorio interculturale di auto-narrazione sul corpo femminile, realizzato dalla Cooperativa Lai-momo tra il 2007 e il 2008.
Tale attività era parte del progetto “Intercultura ad Ovest”1, un’iniziativa tuttora in corso che propone un modello innovativo di lavoro di rete sul tema dell’inclusione sociale della popolazione immigrata, con specifiche azioni positive per le donne migranti.

Gli interventi orientati al femminile, previsti da tale progetto, hanno l’obiettivo di coinvolgere donne migranti e native in attività di gruppo che da un lato favoriscono l’espressione e la valorizzazione della propria identità e della cultura di appartenenza in una logica dialettica e di confronto reciproco, e dall’altro gettano le basi o rafforzano le metodologie di un agire insieme verso obiettivi comuni.

Il lavoro svolto a Crevalcore ha interessato un gruppo molto numeroso di donne migranti, complessivamente si sono avuti, infatti, circa 40 contatti con persone provenienti dal Marocco, dalla Tunisia, dal Sudan, dalla Moldavia e dal Pakistan.

Complessivamente sono stati organizzati 7 incontri della durata di 2 ore ciascuno su quattro tematiche: la cura del corpo femminile, il concetto di bellezza e il tema dell’esibizione del corpo femminile nella sfera pubblica, sia in situazioni quotidiane, sia in situazioni particolari come il matrimonio.

Il laboratorio aveva la conduzione di un’operatrice di Lai-momo e una madiatrice linguistico-culturale di lingua araba. Di volta in volta sono stati proposti gli argomenti elencati e si è favorito lo scambio di narrazioni tra le partecipanti, mentre l’operatrice aveva il compito di trascrivere le testimonianze.

La dimensione del racconto personale ha permesso di capire molti aspetti dei percorsi migratori delle partecipanti, le difficoltà incontrate nell’inserimento in un nuovo contesto di arrivo e le differenze culturali con il contesto di origine. Le biografie delle donne si sono intrecciate tra loro e hanno rappresentato un prezioso momento di costruzione di relazioni, a tal punto che al termine degli incontri era visibile una maggiore confidenza maturata tra le componenti del gruppo, che per la maggior parte non si conoscevano in precedenza.

Le trascrizioni delle narrazioni, la descrizione del laboratorio e dell’approccio teorico in esso seguito sono i contenuti del CD-ROM, che è possibile vedere in versione completa qui sotto:

Tatiana Di Federico

Trackback url: http://www.africaemediterraneo.it/blog/index.php/laboratorio-interculturale-di-auto-narrazione-sul-corpo-femminile/trackback/

Commenti:

(2) Scritto in Laboratorio interculturale di auto-narrazione sul corpo femminile

Inserisci un commento