25 marzo 2010

Il bando ACP-Cultures, strumento di analisi e di riflessione sulla cooperazione culturale

In Cultura

Presentazione dell’articolo “Il bando ACP-Cultures, strumento di analisi e di riflessione sulla cooperazione culturale”, pubblicato sul numero 68 di Africa e Mediterraneo a firma di Marta G. Carrascosa, giurista, attualmente impiegata come responsabile delle sovvenzioni nell’ambito del programma ACP-Cultures.

Oggi è risaputo che il settore culturale riveste un ruolo importante nei processi di sviluppo economico e sociale. Nonostante ciò, è necessario assicurare i finanziamenti indispensabili per garantire la regolarità dei bandi aperti a proposte culturali per soddisfare in maniera efficace le richieste del settore culturale della zona ACP.

Villa Ker Thiossane, dédiée à l'art et aux échanges culturels

Villa Ker Thiossane, dédiée à l'art et aux échanges culturels

Il programma ACPCultures nasce tra il 2000 e il 2003, nel momento in cui il Gruppo ACP riesamina il sistema di finanziamenti puntuali a favore di programmi più strutturati, cerca di instaurare un vero e proprio dialogo con gli operatori culturali e raccoglie informazioni sulle diverse industrie culturali nei Paesi ACP. Il programma ACPCultures si divide in tre grandi orientamenti: i destinatari dei finanziamenti sono operatori e attori culturali della zona ACP; il Segretariato ACP è responsabile della messa in moto dei progetti; una priorità assoluta è data agli scambi e alla cooperazione Sud-Sud. Purtroppo i sei progetti ritenuti non sono sufficienti per avere un impatto sostanziale. Inoltre conviene seguire i progetti dal ricevimento della sovvenzione fino alla valutazione e la condivisione dei risultati.
Ogni progetto sostenuto da ACPCultures rappresenta un’esperienza da analizzare e condividere, in modo da trarre insegnamenti, approfondire e orientare le decisioni e le pianificazioni future.

Una prima ondata di programmi pilota è stata lanciata dall’UE nell’ambito culturale con l’entrata in vigore del Trattato di Maastricht nel 1993. Tra questi progetti rientra Cultura 2000, rinnovato dall’attuale programma Cultura 2007-2013, che costituisce un riferimento per il programma ACPCultures. Quindici anni sono stati necessari per rendere efficace il programma, grazie alla revisione dei programmi precedenti, all’adattamento dei metodi al contesto culturale, ai bandi regolari e alle risorse finanziarie in continuo aumento.

Agli inizi del programma ACPCultures, la prima posta in gioco è stata la delimitazione del campo d’azione e i criteri d’eleggibilità, si è cercato di stabilire un equilibrio tra gli attori europei e operatori ACP, facilitando l’accesso prioritario agli operatori ACP, creando una migliore rete intra-ACP, etc. L’approccio del programma, limitato ad un solo bando, l’inesistenza di un mandato per agire a livello nazionale, la collaborazione tra regioni come condizione intrinseca della cooperazione intra-ACP, e l’assenza di continuità nei bandi, non permetteranno di stabilire nell’immediato delle specifiche misure di revisione tipiche del meccanismo di sovvenzionamento pluriannuale. Infine è indispensabile sviluppare un’attività di analisi e di diffusione delle informazioni per migliorare la comprensione del settore d’intervento.

Trackback url: http://www.africaemediterraneo.it/blog/index.php/il-bando-acp-cultures-strumento-di-analisi-e-di-riflessione-sulla-cooperazione-culturale/trackback/

Inserisci un commento