24 aprile 2013

Al via il progetto“Young Women as Job Creators”

In molti paesi del mondo le donne non hanno ancora conquistato una completa emancipazione e sono spesso messe da parte negli ambienti lavorativi. Nei paesi in cui differenze culturali e religiose continuano ad ostacolare il raggiungimento delle pari opportunità tra i generi, si finanziano progetti per promuovere un’uguaglianza sociale che faciliti il coinvolgimento delle donne in attività economiche.

A questo proposito l’Unione per il Mediterraneo, organizzazione internazionale rivolta all’avvicinamento dei rapporti tra l’Unione europea e i paesi che si affacciano sul mar Mediterraneo, lancerà il 30 aprile 2013 il progetto “Young Women as Job Creators”.
Il progetto, promosso da AFAEMME, Associazione per le Organizzazioni delle Imprenditrici nel Mediterraneo – Association of Organizations of Mediterranean Businesswomen (afaemme.org) ed approvato dai 43 paesi che costituiscono l’Unione per il Mediterraneo, ha l’obiettivo di promuove lo sviluppo di imprenditorialità e lavoro in proprio tra giovani studentesse universitarie in procinto di laurearsi in Marocco, Giordania, Palestina e Spagna, ed interessate ad iniziare un proprio business.
Gli eventi principali del progetto, conosciuti come Women Entrepreneurship Days (WED), consisteranno in una serie di seminari organizzati in università locali da associazioni di imprenditrici o altre istituzioni, che avranno lo scopo di preparare e motivare le giovani studentesse a diventare imprenditrici di successo.
Per dettagli sul programma e maggiori informazioni, consultare il sito ufficiale dell’iniziativa:http://ufmsecretariat.org/young-women-as-job-creators-ufm-organizes-project-launch-coordination-meeting/
(Foto di UN Women/Hamza Mazra’awi)

Trackback url: http://www.africaemediterraneo.it/blog/index.php/young-women-as-job-creators/trackback/

22 aprile 2013

22-30 aprile: all’IsArt la mostra delle illustrazioni realizzate dagli studenti sul tema della cittadinanza

Da oggi, 22 aprile, fino al 30 sarà allestita nell’atrio dell’IsArt – Liceo ed Istituto d’Arte di via Marchetti 22 a Bologna la mostra delle illustrazioni realizzate da studenti e studentesse della scuola che hanno partecipato al laboratorio pomeridiano sul tema della cittadinanza tenuto dall’illustratrice e fumettista Marina Girardi e dalla giornalista Sandra Federici nell’ambito del progetto SeiPiù realizzato da Africa e Mediterraneo e IsArt con il contributo di Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna.

Partecipate numerosi!

Trackback url: http://www.africaemediterraneo.it/blog/index.php/esposizione-isart/trackback/

15 aprile 2013

Nuova chiamata per il Sauti Za Busara Festival

Il festival internazionale della musica Sauti Za Busara, che si tiene da dieci anni durante il mese di febbraio a Zanzibar, sta già iniziando i preparativi per il prossimo anno. Gli organizzatori del festival sono alla ricerca dei nuovi protagonisti per la prossima edizione e terranno aperte le candidature fino al 31 luglio 2013.
L’evento, che gli organizzatori definiscono il “festival musicale n.1 dell’Africa orientale”, ospita ogni anno circa 400 artisti provenienti da diversi paesi dell’Africa che propongono i più svariati tipi di musica: dal raggae al rock, dalla rumba all’afrobeat.

Oltre ad essere un’occasione per far conoscere meglio la cultura locale e per mantenere vive le tradizioni africane, il festival vuole anche presentarsi come il “più amichevole sul pianeta”. E’ infatti un evento che vuole unire  persone con visioni religiose e politiche differenti e che punta a stabilire pace e stabilità tra i popoli africani, promuovedo rispetto reciproco ed uguaglianza.

Per celebrare la sua decima edizione, tenutasi dal 13 al 17 febbraio scorso, sono stati invitati come ospiti d’onore i musicisti più apprezzati degli ultimi anni: Nawal & Les Femmes de la Lune (Comoros/Mayotte), Burkina Electric (Burkina Faso), Khaira Arby (Mali) e The Moreira Project (Mozambico e Sudafrica).

Oltre alle esibizioni musicali il festival comprende anche attività come danze, sfilate di moda e proiezioni di film, che contribuiscono anche a creare ulteriori opportunità di impiego per la popolazione locale.
Per maggiori informazioni sull’evento è possibile consultare il sito http://www.busaramusic.org.

Trackback url: http://www.africaemediterraneo.it/blog/index.php/nuova-chiamata-per-il-sauti-za-busara-festival/trackback/

05 aprile 2013

Bufala online sulla morte di Mandela

Vado su Facebook e leggo che un amico scrittore senegalese ha postato 16 ore fa un messaggio di lutto per la morte di Mandela, “addio guerriero zulu” (Mandela è xhosa, comunque). Seguono commenti di circostanza sulla scomparsa del grande personaggio.

Trasecolo.

Ma come, mi dico, mi è scappata una notizia come questa?!

Mi precipito a vedere il link alla notizia, pubblicata su Al Wihda, giornale diffuso in Ciad, Bénin, Sudan, Niger, Nigeria e presente online con un sito di news e commenti.

Una breve notizia dell’1 aprile con tanto di foto e refuso nel titolo Neslon invece di Nelson http://www.alwihdainfo.com/Afrique-du-Sud-Mort-de-Neslson-Mandela_a7117.html?start=10#comments

In basso, nella sezione discussioni vedo il link alla notizia della smentita della morte di Mandela da parte della presidenza del Sudafrica. Il webmaster di Al Wihda spiega di aver preso la precauzione di far seguire alla notizia della morte la dicitura in rosso “poisson d’Avril”. Poi afferma con soddisfazione che il sito è stato preso d’assalto da 40.000 visitatori:  quello che si dice un BUZZ.

In conclusione il gruppo Al Wihda augura lunga vita al leader africano Mandela!

Furibondi e indignati i commenti dei lettori…

http://www.alwihdainfo.com/Afrique-du-Sud-La-Presidence-dement-la-mort-de-Mandela_a7131.html

E’ incredibile cosa si arriva a fare per suscitare un po’ di “movimento” sul proprio sito internet.

(Immagine di Michael Sean Gallagher)

Trackback url: http://www.africaemediterraneo.it/blog/index.php/bufala-online-sulla-morte-di-mandela/trackback/